Stampa

chiudi

 
 
itinerario 1
itinerario 2
itinerario 3
itinerario 4
itinerario 5
itinerario 6

A spasso per Palermo 
Piazza Vigliena, Piazza Pretoria,
Palazzo del Comune, Piazza Bellini

Piazza Vigliena – ( i quattro canti) – All’incrocio delle due strade storiche di Palermo, via Vittorio Emanuele e via Maqueda, si trova piazza Vigliena conosciuta meglio dai palermitani come “ i quattro canti”. Negli angoli di tale piazza si elevano, su tre livelli di piani, quattro palazzi secenteschi con, al centro di ognuno di essi, una fontana sormontata da una delle quattro stagioni. Nelle nicchie degli ordini superiori si trovano invece le statue di re spagnoli e, al livello più alto, quelle delle protettrici di Palermo, le sante Cristina, Ninfa, Oliva e Agata. L'incrocio segna anche i quattro mandamenti in cui, un tempo, Palermo era suddivisa: Palazzo Reale, Castellammare, Mezzomonreale, e Oreto.

Piazza Pretoria – Al centro di questa bella piazza trova collocazione una spettacolare fontana, opera di uno scultore fiorentino del '500, Francesco Camilliani, ed in origine destinata a un privato per la sua villa in Toscana. La fontana è un insieme di sculture rappresentanti divinità, mostri, teste di animali, ninfe, con un insieme di rampe di scale, balaustre, giochi d'acqua che la vivacizzano e la movimentano.
La vasca centrale è divisa in quattro settori ed ospita, davanti a ciascuno di essi, una vasca piu piccola con le allegorie dei quattro fiumi palermitani: Gabriele, Maredolce, Papireto ed Oreto. Tra le statue ai lati delle rampe è riconoscibile la dea protettrice della Sicilia, Cerere, che tiene in mano delle spighe di grano ed una cornucopia. La cancellata in ferro battuto che la circonda, collocata in epoca più recente è opera di Giovan Battista Basile.  

Palazzo del Comune  – L’aspetto attuale, risalente al 1800, è in realtà la sovrapposizione di parecchi edifici e stili dei quali il più antico si fa risalire al '300. Da allora il palazzo è sede del senato cittadino. Attraverso un portale che, dalla parte interna, presenta una ricca decorazione barocca, si accede ad una graziosa corte su cui si apre un monumentale scalone che conduce al piano nobile. Giunti al piano,sulla sinistra, si nota un bassorilievo raffigurante Cerere incoronata, omaggio alla dea della Sicilia. Tra le sale visitabili si segnalano la Sala delle Lapidi, ora sala consiliare, dalle pareti ricoperte appunto di iscrizioni su lastre di marmo e la Sala Garibaldi dal cui balcone l'eroe si affacciò nel 1860. In una bacheca sulla destra sono conservate delle armi con intarsi e fodero in oro e madreperla appartenute a Napoleone.

Piazza Bellini  - E' la piccola piazza su cui si affacciano la Chiesa di S. Caterina,  e la Martorana  che, con le sue  cupole dona al luogo un'aria orientale.

chiudi

home page