Stampa la ricetta

home page

 
 
Primi Piatti
 

SUPPLI' AUTUNNALI

 

 
   
   
   

ricetta ricevuta da G. Davì di Roma

Riso ½ kg,Mozzarella fiordilatte 1 grande,Brodo vegetale ½ litro,Concentrato di pomodoro 2 / 3 cucchiai,Grana grattugiato 3 cucchiai,Pecorino grattugiato 3 cucchiai, Cipolla bianca 1 media,Uova 2,Pangrattato finissimo quanto basta,Olio di semi di girasole 1 litro,Burro o margarina 100 gr,Sale e pepe.

Soffriggete in poco olio la cipolla pulita e tritata molto finemente. Appena raggiunta la doratura aggiungete il concentrato , un grande bicchiere d’acqua, il sale ed un pizzico di zucchero. Venti minuti basteranno per avere una buona salsa. Nel frattempo fate sciogliere il burro in una pentola sufficientemente grande e poi versatevi il riso per procedere alla brillatura. Questa operazione va eseguita rapidamente in modo da fare tostare il riso nel burro. A fine brillatura aggiungere il brodo vegetale bollente che avrete preparato col comodo dado. Mescolare con paletta di legno piatta.
Aggiungere la salsa di concentrato e continuare a mescolare, aggiustando con acqua ove occorresse.
A cottura ultimata , cercate di superare i soliti venti minuti di cottura del riso, dovrebbe essere venuto un risotto ben cotto. Versare il tutto in una grande zuppiera e fare intiepidire prima di aggiungere la grana ed il pecorino, mescolando. Lasciare intiepidire ancora e infine aggiungere le due uova, da incorporare. Adesso lasciare raffreddare il tutto perfettamente.
Fare delle palline, grandi come un uovo, dell’impasto freddo e inserire nel centro un pezzetto di fiordilatte, che avrete precedentemente tagliato in cubetti e fatto accuratamente asciugare e gocciolare in un colino adatto.
Dopo avere fatto tutti i supplì, passateli nel pangrattato , pressando bene in superficie ed eliminando il pangrattato in eccesso. Adesso i supplì sono pronti per la fase più delicata : la frittura.
Tutto l’olio va messo in una padella a bordi molto alti o meglio in un pentola adatta alla frittura.
Va raggiunto il punto di fumo cioè l’adatta temperatura dell’olio. L’olio deve fumare, ma attenzione, non superate questo momento, la frittura potrebbe bruciarsi. Finalmente friggete i supplì, pochi per volta , curando che vengano asciugati su carta assorbente, in modo da eliminare l’olio in eccesso. La frittura durerà a lungo ma occorre avere pazienza ed amore per quello che si sta facendo. A tavola mangiateli caldi ma non bollenti. Un bel vino bianco forte e corposo renderà la mangiata indimenticabile.

 

ricette dalla A alla Z

 
Primi Piatti